lunedì 24 maggio 2010

La poesia nel cuore


Visto il numero di frequentanti di questo blog, l’operazione che ho pensato è un tantino pericolosa, rischio di trovarmi da sola a recitare nella penombra i versi che fanno breccia nel mio cuore deserto di parole..Vi ho fatto sufficiente pena? Allora vi chiedo la massima collaborazione: commentate questo post inserendo il testo della poesia che più vi ha emozionato, antica, moderna, su qualsiasi argomento, di qualsiasi nazionalità, da Saffo a Majakovskij, da Auden a Quasimodo, da Neruda a Catullo. Poiché ci conosciamo quasi tutti, se qualcuno ha problemi di inserimento, mi scriva una mail e lo farò io per lui. L’unica indicazione che vi do è: chi ha nel cuore l’intero Purgatorio, o l’epopea di Gilgamesh e Enkidu, si faccia violenza, limitandosi a inserire la sua seconda scelta, magari Ungaretti…

12 commenti:

Anonimo ha detto...

« Ormai è vicina la Terra di Lavoro,
qualche branco di bufale, qualche
mucchio di case tra piante di pomidoro,

èdere e povere palanche.
Ogni tanto un fiumicello, a pelo
del terreno, appare tra le branche

degli olmi carichi di viti, nero
come uno scolo. Dentro, nel treno
che corre mezzo vuoto, il gelo »
(Pierpaolo Pasolini, La terra di Lavoro, Le ceneri di Gramsci, Garzanti 1957)

Ataulfo Von Luck

Anonimo ha detto...

Poema Desnuda de Pablo Neruda

Desnuda eres tan simple como una de tus manos:
lisa, terrestre, mínima, redonda, transparente.
Tienes líneas de luna, caminos de manzana.
Desnuda eres delgada como el trigo desnudo.

Desnuda eres azul como la noche en Cuba:
tienes enredaderas y estrellas en el pelo.
Desnuda eres redonda y amarilla
como el verano en una iglesia de oro.

Desnuda eres pequeña como una de tus uñas:
curva, sutil, rosada hasta que nace el día
y te metes en el subterráneo del mundo

como en un largo túnel de trajes y trabajos:
tu claridad se apaga, se viste, se deshoja
y otra vez vuelve a ser una mano desnuda.

Ataulfo Von Luck

Anonimo ha detto...

Funeral Blues
by W. H. Auden


Stop all the clocks, cut off the telephone,
Prevent the dog from barking with the juicy bone.
Silence the pianos and, with muffled drum,
Bring out the coffin. Let the mourners come.

Let aeroplanes circle moaning overhead
Scribbling in the sky the message: “He is dead!”
Put crepe bows around the white necks of the public doves.
Let the traffic policemen wear black cotton gloves.

He was my north, my south, my east and west,
My working week and Sunday rest,
My noon, my midnight, my talk, my song.
I thought that love would last forever; I was wrong.

The stars are not wanted now; put out every one.
Pack up the moon and dismantle the sun.
Pour away the ocean and sweep up the wood.
For nothing now can come to any good.

Ataulfo Von Luck

Anonimo ha detto...

"San Gennà, per carità, non ti crucciare, tu lo sai ti voglio bene, ma na finta e Maradona squaglia o sang rind e vene..."

Ataulfo Von Luck
(scusa non ho resistito)

Anonimo ha detto...

Io vulesse truva' pace

di Eduardo de Filippo

Io vulesse truvà pace;

ma na pace senza morte.

Una, mmieze'a tanta porte,

s'arapesse pè campà!



S'arapesse na matina,

na matin' 'e primavera,

e arrivasse fin' 'a sera

senza dì: "nzerràte llà!"



Senza sentere cchiù 'a ggente

ca te dice:"io faccio...,io dico",

senza sentere l'amico

ca te vene a cunziglià.



Senza senter' 'a famiglia

ca te dice: "Ma ch' 'e fatto?"

Senza scennere cchiù a patto

c' 'a cuscienza e 'a dignità.



Senza leggere 'o giurnale...

'a nutizia impressionante,

ch'è nu guaio pè tutte quante

e nun tiene che ce fà.



Senza sentere 'o duttore

ca te spiega a malatia...

'a ricett' in farmacia...

l'onorario ch' 'e 'a pavà.



Senza sentere stu core

ca te parla 'e Cuncettina,

Rita, Brigida, Nannina...

Chesta sì...Chell'ata no.



Pecchè, insomma, si vuò pace

e nun sentere cchiù niente,

'e 'a sperà ca sulamente

ven' 'a morte a te piglià?



Io vulesse truvà pace

ma na pace senza morte.

Una, mmiez' 'a tanta porte

s'arapesse pè campà!



S'arapesse na matina,

na matin' 'e primavera,

e arrivasse fin' 'a sera

senza dì: "nzerràte llà!"


Ataulfo Von Luck

NEF ha detto...

Ataulfo, fermate!
Mi hai anche rubato Auden, non vale! Magnifica quella di San Gennaro...

Anonimo ha detto...

Alla bandiera rossa

Per chi conosce solo il tuo colore,
bandiera rossa,
tu devi realmente esistere, perché lui
esista:
chi era coperto di croste è coperto di
piaghe,
il bracciante diventa mendicante,
il napoletano calabrese, il calabrese
africano,
l'analfabeta una bufala o un cane.
Chi conosceva appena il tuo colore,
bandiera rossa,
sta per non conoscerti più, neanche coi
sensi:
tu che già vanti tante glorie borghesi e
operaie,
ridiventa straccio, e il più povero ti
sventoli.


Pier Paolo Pasolini

Ok adesso mi fermo!
Ataulfo Von Luck

Parliamone ha detto...

Odi et amo.
Quare id faciam fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio, et excrucior.
Catullo, carme 85
ovvero:
"Odio ed amo insieme.
Mi chiederai forse come ciò possa succedere.
Non lo so, ma sento lo stesso che accade, e me ne tormento."

Anonimo ha detto...

perdona la mia incostanza e il mio dileguarmi ma è più forte di me.... ho mille cose da fare... mille cose da leggere... da apprendere.. la poesia non la amo molto, la sacrificosempre alla prosa, forse per una sorta di necessità di apprendere,di recuperare tempo sprecato a fare cose odiose.... non ho tempo nemmeno di spiegare. non ho tempo per niente. ho fretta di fare cose, fin che ci sarà tempo.... la pensione è l'ultimo tempo della vita.... !!!!!
ripeto, perdona le mie rare incursioni in questo posto che rimane per me magnifico. ci penso spesso e lo frequento poco... ma credimi... per me è una cosa preziosa. grazie. Gino

p.s.
in questo periodo ho mollato molte letture e mi sono introdotto nel mondo di Fernando Savater... io faccio così. trovo un "compagno" di strada emi ci attacco... qundo l'ho conosciuto, ammirato, amato, un po' a malincuore lo lascio, sperando di riincontrarlo... sono quasi dei piccoli tradimenti... necessari....così come sto "tradendo" alcuni preziosi compagni di viaggio dell'ospedale a cui voglio bene ma non ho sempre modo di ricordarglielo.....

Anonimo ha detto...

Amo il pezzo di terra che tu sei,
perché delle praterie planetarie
altra stella non ho. Tu ripeti
la moltiplicazione dell'universo.

I tuoi grandi occhi son la luce che posseggo
delle costellazioni sconfitte,
la tua pelle palpita come le strade
che percorre la meteora nella pioggia.

Di tanta luna furon per me i tuoi fianchi,
di tutto il sole la tua bocca profonda e la sua delizia,
di tanta luce ardente come miele nell'ombra

il tuo cuore arso da lunghi raggi rossi,
e così percorro il fuoco della tua forma baciandoti,
piccola e planetaria, colomba e geografia.


Pablo Neruda

Anonimo ha detto...

Mosca, 1959
Nazim Ikmet

Ti amo come se mangiassi il pane spruzzandolo di sale
come se alzandomi la notte bruciante di febbre
bevesi l’acqua con le labbra sul rubinetto
ti amo come guardo il pesante sacco della posta
non so che cosa contenga e da chi
pieno di gioia pieno di sospetto agitato
ti amo come se sorvolassi il mare per la prima volta in aereo
ti amo come qualche cosa che si muove in me
quando il crepuscolo scende su Istanbul poco a poco
ti amo come se dicessi Dio sia lodato son vivo.

NEF

Anonimo ha detto...

Cenai con una focaccia ma bevvi un'anfora di vino, ora l'amata cetra tocco con dolcezza,e canto amore alla mia tenera fanciulla.